Gli strumenti migliori per il web

Quali sono gli strumenti migliori, più economici e intelligenti per affacciarsi professionalmente al mondo di Internet?

Penso che Linux, Google, Android, Chrome e Firefox, GMail, FreeOffice [opure OpenOffice]: ovvero le risorse Open Source siano “il bene” e dovrebbero essere più “sponsorizzate” da scuole e istituzioni che invece spesso orientano su applicazioni a pagamento…

Photoshop non ha purtroppo competitor validi nel mondo open source, esistono progetti anche molto validi, come Gimp o Krita per Linux, ma effettivamente non sono all’altezza del miglio editor di immagini al mondo.

Eclipse a chi, come a me, piace scrivere il codice di programmazione HTML, PHP, CSS, Javascript, ancora pressoché a manina, e controllarne tutti gli aspetti nel dettaglio, non deve mancare il giusto editor di codice “testuale”, in questo senso credo che Eclipse PDT, per chi sviluppa Web in PHP, sia il meglio (e gratis).

Personalmente cerco di evitare di usare strumenti a pagamento, se non strettamente necessario… perché pagare per qualcosa che è semplicemente peggio? Trovo corretto pagare per qualcosa di migliore (come nel caso di Photoshop) ma non si dovrebbe costringere centinaia di milioni di persone ad acquistare per forza di cose un PC Windows o un Mac con un sistema operativo a pagamento, senza proporre le corrette alternative open source!

Mac, iPhone, iPad & C. son certamente bei giocattolini, molto accattivanti ma spesso troppo sopravvalutati, e non proprio esenti da bug… senza contare il rapporto qualità/prezzo, insensato.

Microsoft, Windows, Explorer, ecc… sono “il male”, esiste una via alternativa all’imposto standard di Microsoft, la via Open Source troppo poco conosciuta, grazie alla quale si potrebbe risparmiare anche il 20% sulla spesa d’acquisto di un computer, oppure che permetterebbe di ridare vita gratuitamente a macchine altrimenti troppo vecchie per far “girare” solo Windows! Hai mai pensato di mettere Ubuntu sul tuo vecchio portatile?

E i Social Network?

Facebook, Twitter, Google+, ecc… sono strumenti utili, se usati intelligentemente e non solo per fare da cassa di risonanza del nulla o per mostrare semplicemente la propria infinita ignoranza… Molto spesso i social sono “abusati” più per distruggere che per costruire, bisogna star ben attenti a quel che si scrive o si pubblica, spesso una foto stupida o un commento troppo impulsivo possono far ridere qualcuno per 5 minuti, ma tale “exploit” rimane impresso a tempo indeterminato nel web o sul proprio profilo, e magari condiviso fuori controllo da amici o presunti tali… tempo dopo ci si può pentire amaramente di una cosa ritenuta inizialmente quasi innocua…

Privacy Policy